SASSOLINI NELLA SCARPA DELL’ITALIA REPUBBLICANA: MARIO TOFFANIN DETTO “GIACCA” (1912-1999)

Mario Toffanin (detto “Giacca”) fu il principale responsabile dell’eccidio di Porzûs, perpetrato dai partigiani comunisti nel febbraio del 1945 nei confronti dei partigiani non comunisti della Brigata Osoppo, guidata da Francesco De Gregori (zio dell’omonimo cantautore). La Divisione Osoppo si batteva contro l’annessione alla Jugoslavia della Venezia Giulia, appoggiata invece da Togliatti. Nell’eccidio perì anche Guido Pasolini, fratello del grande scrittore e regista Pier Paolo Pasolini.
Da notare che un dirigente delle Brigate Garibaldi, Mario Lizzero, propose la pena di morte per Toffanin, la cui “carriera”, invece, potè andare avanti indisturbata. Voce isolata, a quanto pare.
Subito dopo la fine della guerra, infatti, Toffanin fu nominato funzionario del PCI di Udine.
Dopo la denuncia da parte del Comando Divisioni Osoppo, Toffanin fuggì in Jugoslavia, dove (ovviamente), ricevette un’alta onorificenza come veterano della guerra partigiana.
Nel 1952 Toffanin, che si trovava in Cecoslovacchia a causa dell’uscita della Jugoslavia dal Cominform (“Giacca” era uno stalinista convinto!) venne condannato in contumacia all’ergastolo per i fatti di Porzûs.
Nel 1978 il neoeletto Presidente della Repubblica Sandro Pertini gli concesse la grazia. In seguito a questo fatto, Toffanin potè ricevere la pensione. Sembra incredibile, ma è così.
Da notare l’aspetto più paradossale della vicenda: la Repubblica Italiana, nata dalla Resistenza, ha pagato la pensione a un condannato all’ergastolo per una strage perpetrata ai danni di partigiani italiani, in cui fra gli altri perì Francesco De Gregori, partigiano Medaglia d’oro al Valor Militare!
Questo è uno dei tantissimi paradossi della Storia dell’Italia repubblicana. https://it.m.wikipedia.org/wiki/Mario_Toffanin
 https://it.m.wikipedia.org/wiki/Processi_per_l%27eccidio_di_Porzûs
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Francesco_De_Gregori_(partigiano)
 https://it.m.wikipedia.org/wiki/Porzûs_(film)
http://www.anpi.it/storia/229/leccidio-di-porzus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *