S. VITALE

VIA NAZIONALE – RIONE MONTI

La Basilica (basilica “minore”, per l’esattezza) paleocristiana di S. Vitale si trova in Via Nazionale, ma notevolmente più in basso rispetto al livello stradale. È ubicata precisamente nei pressi del Palazzo delle Esposizioni, a poca distanza dalla chiesa di S. Paolo entro le Mura (che però si trova sul lato opposto). Una scalinata collega la chiesa alla strada.

La collocazione cronologica della vita del Santo, a cui è dedicata ufficialmente dal 595, è estremamente incerta, variando addirittura dal I al III-IV secolo. Non è facile distinguere la storia dalla leggenda nelle vite dei Santi. Sappiamo che Vitale era un militare milanese di origine e fu martirizzato a Ravenna, probabilmente all’inizio del IV secolo.

La chiesa di San Vitale venne costruita agli inizi del V secolo trasformando un precedente oratorio dedicato ai Martiri Gervasio e Protasio (figli di S. Vitale) in una basilica a tre navate durante il pontificato di Innocenzo I (401-417).
La data precisa della consacrazione non è certa, potendosi situare o poco prima o poco dopo il famoso sacco di Roma da parte dei Visigoti avvenuto nel 410.

Proprio in quel momento storico avvenne il vero crollo dell’Impero Romano d’Occidente sotto l’impeto delle invasioni barbariche, con largo anticipo rispetto alla datazione ufficiale del 476.
Bisogna precisare che già dal tempo di Diocleziano Roma non era più la capitale (intesa come sede imperiale) o almeno non era più la sola capitale dell’Impero d’Occidente (definitivamente separato dalla parte orientale alla morte di Teodosio nel 395) poiché divideva questo ruolo con Milano, mantenendo comunque una supremazia morale. Nel 402 l’imperatore Onorio spostò la capitale ufficiale da Milano a Ravenna, ritenuta inattaccabile per via delle paludi. Gregorovius ci dice, nel I volume della Storia di Roma nel Medioevo, che dal punto di vista dei monumenti romani la città già prima del sacco alariciano del 410 era in piena decadenza. Quindi S. Vitale sorse in un’Urbe già in buona parte in rovina, in cui l’impronta cristiana era ancora limitata. Infatti Gregorovius è convinto che la portata delle devastazioni prodotte dai Visigoti è stata per troppo tempo sopravvalutata.

All’inizio la basilica era nota come “titulus Vestinae” dal nome della matrona romana che aveva lasciato tutti i suoi beni per l’edificazione del luogo di culto. All’epoca questo tipo di denominazione era normale e derivava dalla consuetudine romana di scrivere su una lastra (titulus) il nome del donatore di un edificio di uso pubblico. Si veda a questo proposito la lista dei tituli indicata nel Sinodo del 499, importantissima fonte d’informazione sulla storia più antica delle chiese romane.

Nel corso dei secoli S. Vitale andò incontro a vari restauri e subì radicali trasformazioni.
Nel XV secolo Sisto IV (1471-1484) la fece ristrutturare drasticamente ed eliminò le navate laterali. Tracce di questa trasformazione sono ancora visibili sul lato destro della navata. Sul portale, dotato di notevoli battenti lignei scolpiti nel Seicento, è infatti presente lo stemma di Sisto IV con la tipica quercia araldica dei Della Rovere, sovrastato da un’iscrizione che ricorda il suo intervento.

La chiesa è preceduta da un portico paleocristiano a cinque arcate con capitelli del V secolo. Dopo la cessione della chiesa ai Gesuiti nel 1595 da parte di Clemente VIII Aldobrandini, il portico venne chiuso e trasformato in vestibolo. I lavori degli anni ’30 del Novecento l’hanno ripristinato.
Nel muro di facciata si può notare che in origine alle cinque arcate del portico corrispondevano altrettante aperture: un esempio molto raro di facciata “aperta”.

L’interno della chiesa, nonostante i pesanti interventi che si sono succeduti nel corso dei secoli, fra cui dobbiamo considerare anche quello di Pio IX del 1859, si presenta armonioso e suggestivo. Si ha veramente l’impressione di trovarsi in uno spazio-tempo sacro nettamente separato dal caos e dal rumore di Via Nazionale e ciò è dovuto ovviamente al notevole dislivello rispetto alla strada. La suggestione dell’ambiente è il prodotto di una particolare combinazione: semplicità strutturale (navata unica con due altari per lato) e tipicità della decorazione pittorica, che è basata su un progetto unitario, sia per i contenuti che per lo stile manierista, tanto vituperato (almeno fino al Novecento) e da me sempre amato.

Il tema fondamentale del ciclo di affreschi, realizzati dai pittori Ciampelli, Ligustri e Commodi al principio del Seicento, è infatti il martirio; su questo aspetto risulta chiaro il parallelo con S. Stefano Rotondo. Entrambe le chiese passano sotto il controllo dei Gesuiti nella seconda metà del XVI secolo e quindi la rappresentazione del martirio ha una precisa funzione diciamo “pedagogica”: i Gesuiti, nella loro attività missionaria sia nei paesi ancora pagani, sia in quelli protestanti, devono essere pronti al sacrificio supremo. Non va trascurato neppure l’aspetto ideologico: in chiara polemica con la chiesa riformata, che ha esaltato il valore della fede rispetto alle opere, nell’ottica controriformistica il martirio è proprio da vedere come la massima opera umana possibile in funzione della salvezza eterna. E questo ovviamente vale non solo per i Gesuiti, ma per tutti i fedeli.

Stabilita l’analogia con S. Stefano Rotondo, non si può trascurare la profonda differenza d’impostazione. Nella chiesa sul Celio il Pomarancio (per l’esattezza Niccolò Circignani per evitare di confonderlo con gli atri due “Pomaranci”) ha voluto soprattutto mettere in risalto il lato cruento e direi raccapricciante del martirio.
Gli affreschi di S. Vitale sono nettamente diversi: l’atmosfera è molto più distesa. A che cosa dobbiamo questa differenza così marcata? Cercherò di spiegarlo brevemente. La maggiore fama dell’artista ci porterebbe a privilegiare la Lapidazione e il Martirio di S. Vitale nel transetto del toscano Agostino Ciampelli, pittore abbastanza conosciuto e apprezzato nell’ambito della pittura controriformistica. Ma io adoro i 10 paesaggi attribuiti all’assai meno noto artista viterbese Tarquinio Ligustri (“nomen omen”) nelle pareti della navata. Sono proprio questi paesaggi a fare la differenza.

Scrive Maria Barbara Guerrieri Borsoi nel Dizionario Biografico della Treccani: “Precise indicazioni documentarie consentono di datare al 1599 l’intervento del L. nella decorazione della chiesa di S. Vitale. La critica è concorde, salvo Bailey (2003), nel riconoscergli i dieci grandi paesaggi con scene di martirio – dove il paesaggio, di impostazione affine a quella di Paul Bril, domina sulle piccole figure umane, contribuendo però a storicizzare gli avvenimenti e a sottolinearne la tragicità, con forme aspre e talora irreali – e, con minore sicurezza, interventi negli affreschi dell’area presbiteriale. Un pagamento per opere imprecisate avvenne anche nel 1603.”

Francamente, senza nulla togliere all’indubbia competenza della studiosa e all’autorità indiscussa della Treccani, la mia personale impressione estetica diverge da questo giudizio, nel senso che la bellezza del paesaggio non accentua nel mio animo la tragicità e neppure la “storicizza”, ma anzi la trasforma, la sublima in un senso di pace metafisico….

Ma di certo non sono il solo a pensarla così:
“Ciò che predomina nelle raffigurazioni in sostanza è il paesaggio, in una visione pacifica e indisturbata in cui si svolge ogni singola vicenda di martirio. Questa scelta rappresentativa è davvero non comune per l’epoca, perché al tempo dei Gesuiti si preferiva privilegiare rappresentazioni terrificanti di orribili tormenti. La natura inviolata qui è la scena predominante, è il teatro in cui si compie il martirio, che viene intarsiato in questa scenografia come fosse la pietra più preziosa da estrarre da questo gioiello. La visione paesaggistica è il rimando al mondo, al creato, al simbolo dell’opera tutta di Dio, che assiste allo svolgersi sereno del suo disegno. La visione dell’ambiente naturale non è nitida, tutto il contesto appare quasi enigmatico, da decifrare: un ammaestramento iconografico, che interviene in modo molto sottile a ricordarci che la nostra visione umana, stretta nella finitudite terrena, non è perfetta (Viviana Cuozzo, dal sito della Parrocchia di S. Vitale).”

Sitografia:

https://www.youtube.com/watch?v=w4LRzaPLv98

https://it.wikipedia.org/wiki/Basilica_di_San_Vitale_(Roma)

https://romanchurches.fandom.com/wiki/San_Vitalehttps://it.wikipedia.org/wiki/Vitale_di_Milano

https://it.wikipedia.org/wiki/Titulus

http://www.treccani.it/enciclopedia/tarquinio-ligustri_(Dizionario-Biografico)/

https://santivitale.com/2014/12/17/san-vitale-ovvero-la-basilica-della-riforma-cattolica/#_ftn1

https://santivitale.com/la-parrocchia/

http://www.annazelli.com/basilica-di-san-vitale-via-nazionale-roma.htm

https://www.romasegreta.it/monti/via-nazionale.html

Bibliografia:

A parte l’imprescindibile Guida Rossa del Touring, consiglio sempre “Le Chiese di Roma” di Claudio Rendina.
Utile è anche il “dépliant” disponibile in chiesa per “pellegrini e turisti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *