Lezione 3: LA CLASSIFICAZIONE SOCIO-ECONOMICO-CULTURALE

Le Religioni sono state raggruppate anche in base al criterio del tipo di società alla quale appartengono.
Esempio: la Religione antica dei Greci appartiene al gruppo delle Religioni delle civiltà ‘superiori’ perché la civiltà greca possedeva la scrittura, praticava l’agricoltura, aveva grandi centri urbani costruiti in materiale duraturo, era organizzata politicamente ed economicamente eccetera.
Secondo molti studiosi, tra cui il grande Angelo Brelich, ad un certo tipo di struttura politico-sociale corrisponde un certo tipo di Religione. Alla specializzazione dei mestieri e dei ruoli sociali corrisponde un ‘pantheon’ articolato e complesso.
In realtà, questa corrispondenza non è regolare ed organica per un motivo molto semplice: gli studiosi hanno messo in rilievo il fatto che la Religione di un popolo, costituendo la base della sua identità, si modifica relativamente poco nel corso del tempo e comunque mantiene inalterati i tratti essrnziali anche se cambiano le strutture politico-sociali ed economiche.
Dal  mio punto di vista il discorso è un po’ più complesso perché secondo me le Religioni sono astrazioni e la loro storia è in effetti una storia di ‘paradigmi’ che non muoiono mai, ma si mischiano e si contrastano reciprocamente.
Le modificazioni dei tratti religiosi di fatto avvengono, ma soprattutto a causa di intricate dinamiche ‘paradigmatiche’ ed ideologiche.
La Religione romana mantenne inalterati per molti secoli i suoi elementi essenziali, legati a paradigmi ‘primitivi’, anche se variarono le condizioni politiche, sociali ed economiche.
Nello stesso tempo, accolse costantemente credenze e culti provenienti dai popoli con cui i Romani stabilivano relazioni di pace o di guerra. Ovviamente questi popoli stranieri avevano tradizioni diverse e diverse strutture politico-sociali ed economiche.
Quindi viene a cadere la validità del criterio ‘materialista’ in senso lato basato sull’assunto che le Religioni rispecchiano fedelmente le strutture economico-sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *