ISLAM E GUERRA DI RELIGIONE – PARTE I

Il prof. Sgarbi ha recentemente affrontato il tema del rapporto tra la religione islamica e il terrorismo, proponendo la tesi di un legame strettissimo tra la fede musulmana e la guerra di religione.
 
https://www.google.it/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://m.youtube.com/watch%3Fv%3D0QC_6H0ndZI&ved=0ahUKEwjJxIqO7uPQAhWBQBoKHfL3C4UQo7QBCBowAA&usg=AFQjCNEDRZajeO3ZK-KdlKTZpmg2QVjspQ
 
In sostanza, Sgarbi ha esplicitamente dichiarato che il vero credente islamico non può non essere impegnato nella guerra contro gli infedeli. Pertanto il musulmano moderato non sarebbe un vero credente.
La tesi di Sgarbi ha il merito di porre seriamente il problema, contrastando il grave e molto pericoloso equivoco, sostenuto dalla cultura marxista e cattocomunista, secondo il quale la guerra ha sempre e soltanto cause di tipo economico.
Tuttavia ritengo necessario chiarire brevemente alcuni punti.
Bisogna partire dal presupposto che nei paesi islamici l’educazione dei bambini è in grandissima parte basata sul Corano e sulla tradizione religiosa.
Quindi si deve studiare il Corano per stabilire in termini corretti i termini del problema.
Il Corano è innanzitutto un testo complesso.
Quindi non si deve leggere in modo superficiale.
Effettivamente, alcuni versetti dichiarano esplicitamente il dovere per il credente di combattere gli infedeli. Gli infedeli sono in sostanza coloro che non si sottomettono all’Islam.
I versetti sono molti. Si legga ad esempio Sura 2:193:  “Combatteteli finché l’Islam non regni sovrano”.
Altri passi, però, mostrano se non altro un’attenzione particolare verso Giudei e Cristiani. Esempio:
“Coloro che credono, i Giudei, i Sabei o i Nazareni e chiunque creda in Allāh e nell’Ultimo Giorno e compia il bene, non avranno niente da temere e non saranno afflitti. »( Corano, V:69)
Quindi la faccenda è complessa e ha ovviamente suscitato un ampio dibattito fra gli studiosi.
 
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Corano#Versetti_riferiti_al_cristianesimo_e_al_giudaismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *